TOSCANA IN ZONA ROSSA

A partire da domenica 15 novembre la Toscana entra a far parte delle regioni in zona rossa, il livello di rischio più elevato tra quelli indicati dal governo nel suo ultimo Dpcm.
Ecco le misure previste:


- Vietato ogni spostamento, anche all'interno del proprio comune, in qualsiasi orario, salvo che per motivi di lavoro, necessità e salute; vietati gli spostamenti da una regione all'altra e da un comune all'altro; consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.
- Bar, ristoranti, pizzerie, gelaterie e pasticcerie restano chiuse ma è consentito l'asporto fino alle ore 22 con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze del locale e la consegna a domicilio senza limiti;
- Chiusi tutti i negozi ad eccezione di quelli nel settore alimentare, surgelati, informatica ed elettronica, tabacchi, telefonia, ferramenta e prodotti per la casa, articoli igienico sanitari, attrezzature e servizi per l'agricoltura, elettricità, librerie, edicole, cartolerie, abbigliamento e calzature per bambini, articoli sportivi e tempo libero, autoveicoli e accessori, giocattoli, farmacie, medicali, profumerie, erboristerie, fiori, animali, ottici e fotografi, combustibili, distributori automatici, ambulanti dei settori concessi, vendita via internet, per televisione, per corrispondenza, radio, telefono di qualsiasi prodotto.
- Sono aperte le attività di servizi, quali lavanderia, pompe funebri, barbiere e parrucchiere;
- Restano aperte edicole, tabaccherie, farmacie, parafarmacie, lavanderie, parrucchieri e barbieri.
- Chiusi i centri estetici;
- Chiusi i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari.
La didattica a distanza diventa obbligatoria per le scuole superiori e le seconde e terze medie.
Restano aperte le scuole dell'infanzia, le scuole primarie e la prima media.
Chiuse le Università, salvo specifiche eccezioni;
Sono sospese tutte le competizioni sportive salvo quelle di interesse nazionale riconosciute dal Coni e Cip.
Sospese le attività nei centri sportivi;
È consentito svolgere attività motoria vicino casa e attività sportiva solo all'aperto e in forma individuale;
Chiusi musei e mostre. Chiusi teatri, cinema, palestre, attività di sale giochi, sale scommesse, bingo, anche nei bar e nelle tabaccherie.